Lazio 544 posti centri impiego


Lazio 544 posti centri impiego


La regione Lazio ha indetto un concorso per complessivi 544 posti per i Centri per l’impiego, suddivisi in due differenti bandi:

  • 295 unità di personale a tempo pieno e indeterminato, con il profilo professionale di Esperto mercato e servizi per il lavoro, categoria D
  • 249 unità di personale a tempo pieno e indeterminato, con il profilo professionale di Assistente mercato e servizi per il lavoro, categoria C

SCADENZA:

30 settembre 2022


DOMANDA:

Per entrambi i concorsi, la domanda di partecipazione deve essere inviata esclusivamente per via telematica attraverso la “Piattaforma unica di reclutamento” (https://www.inpa.gov.it/). Il candidato, previa autenticazione attraverso i sistemi SpID, CIE, CNS e/o eIDAS, compilerà il modulo elettronico sul sistema  previa registrazione sullo stesso sistema. Per la partecipazione al concorso il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato. La data di presentazione on line della domanda di partecipazione al concorso è certificata e comprovata da apposita ricevuta elettronica rilasciata, al termine della procedura di invio, dal sistema informatico


PROVE:

Per entrambi i concorsi, sono previste due prove:

1) una prova selettiva scritta, che si svolgerà esclusivamente mediante l’utilizzo di strumenti informatici e piattaforme digitali, anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali, assicurando comunque la trasparenza e l’omogeneità delle prove somministrate in modo da garantire il medesimo grado di selettività tra tutti i partecipanti. La prova scritta mira alla verifica del grado di conoscenza dei candidati delle materie d’esame e della capacità di contestualizzare le conoscenze e di utilizzarle nella risoluzione di problemi pratici. La prova consisterà in un test di n. 40 (quaranta) quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 (sessanta) minuti

2) una prova orale che potrà essere svolta anche in videoconferenza attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e digitali, con soluzioni tecniche che assicurino la pubblicità, l’identificazione dei partecipanti nonchè la sicurezza delle comunicazioni e la loro tracciabilità, nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. L’eventuale svolgimento della prova orale in modalità di videoconferenza e le relative modalità saranno comunicate preventivamente ai candidati. Il colloquio, anche se in via telematica, è pubblico;r


MATERIE DELLE PROVE:

La prova scritta sarà così articolata:

1) n. 25 (venticinque) quesiti volti a verificare le conoscenze rilevanti afferenti alle seguenti materie:

  • elementi di diritto amministrativo, in particolare la disciplina del pubblico impiego e il C.C.N.L. Funzioni Locali;
  • elementi di diritto del lavoro e della legislazione sociale;
  • elementi di normativa nazionale e regionale in materia di lavoro e di politiche a sostegno dell’occupazione, con particolare riferimento al D.lgs. n. 150/2015 “Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 10 dicembre 2014, n. 183” e al D.L. n. 4/2019, convertito in Legge n. 26 del 30 marzo 2019 “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”, anche con riferimento alla normativa nazionale e regionale relativa all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità e dei soggetti svantaggiati;
  • gestione dei servizi per l’impiego, con particolare riferimento ai servizi ai cittadini ed alle imprese, compreso il collocamento mirato forniti dai centri per l’impiego, come individuati dal decreto dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 4 dell’11.01.2018;
  • elementi di economia e politica del lavoro;
  • elementi di programmazione regionale in materia di servizi al lavoro e politiche attive a valere sul FSE;
  • elementi di contabilità pubblica, con particolare riferimento all’ordinamento finanziario e contabile delle Regioni;
  • elementi in materia di contratti pubblici

2) 8 (otto) quesiti volti a verificare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale.

A ciascuna risposta è attribuito il seguente punteggio:

  • – risposta esatta: +0,75 punti;
  • – mancata risposta: 0 punti;
  • – risposta errata: -0,25 punti.

3) 7 (sette) quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo. I quesiti descriveranno situazioni concrete di lavoro, rispetto alle quali si intende valutare la capacità di giudizio dei candidati, chiedendo loro di decidere, tra alternative predefinite di possibili corsi d’azione, quale ritengano più adeguata.

A ciascuna risposta è attribuito in funzione del livello di efficacia il seguente punteggio:

  • – risposta più efficace: +0,75 punti;
  • – risposta neutra: +0,375 punti;
  • – risposta meno efficace: 0 punti.

La prova si intende superata se è raggiunto il punteggio minimo di 21/30

La prova orale vertera?, oltre che sugli argomenti previsti per le prove scritte, anche sui seguenti argomenti:

  • delitti contro la Pubblica amministrazione;
  • normativa in materia di trattamento e protezione dei dati personali;
  •  normativa in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza;
  •  conoscenza della lingua inglese;
  •   conoscenza della lingua italiana per i candidati non italiani;
  •  accertamento delle conoscenze informatiche.

TITOLI RICHIESTI:

Per il profilo ‘D’:

laurea magistrale (ordinamento di cui al D.M. 270/2004) o corrispondente laurea specialistica (ordinamento di cui al D.M. 509/99) o diploma di laurea rilasciato secondo il previgente ordinamento universitario ed equiparato alle sottoelencate lauree magistrali ai sensi del decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca del 9 luglio 2009 (vedi dettagli nel bando)

Per il profilo ‘C’:

diploma di istruzione secondaria di II grado conseguito presso un istituto statale, paritario o legalmente riconosciuto (vedi dettagli nel bando)


Vai al bando diplomati

Vai al bando laureati

CONSULTA IL MANUALE DEI CORSI


Lazio 544 posti centri impiego, fine pagina